Didattica delle discipline ed unità del sapere

school table
La mediazione didattica delle discipline prevede l'innovazione del sistema scolastico. Epistemologia, linguaggi disciplinari e metodologie, infatti vanno contestualizzati in una "buona scuola" che sappia potenziare la didattica di laboratorio. Il passaggio dall'unita didattica all'unità di apprendimento centrata su problemi promuove l'unità del sapere. Accanto ad un pensiero convergente, problem posing e problem solving promuovono lo sviluppo di un pensiero divergente, laterale, ricco di immaginazione scientifica e capace di ingegneria.
timer25 ore
CFU
1
Prezzo
100 €
Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado di scuola statale e paritaria.  Dirigenti scolastici. Personale ATA.

PRESENTAZIONE

Il corso intende informare e formare i docenti sulle innovazioni del sistema scolastico per il successo formativo e l'inclusione scolastica e sociale degli allievi. Le conoscenze sono chiave interpretativa di fatti e fenomeni del nostro tempo. Pertanto la mediazione didattica delle discipline offre al pensiero strumenti per l'elaborazione delle competenze e la gestione dei processi. A tal fine occorre una mediazione didattica delle discipline che consenta la comprensione del senso e del significato dei saperi. Le idee "forti e potenti" delle discipline, i linguaggi e le metodologie sono strumento per la soluzione dei problemi di vita quotidiana. Una "buona scuola" deve potenziare la didattica di laboratorio centrata su problemi perché si sviluppino nell'allievo competenze, capacità di coding e di pensiero computazionale, immaginazione scientifica e ingegneria.

  • Inclusione scolastica e sociale
  • Innovazione didattica e didattica digitale
  • Metodologie e attività laboratoriali

Formare i docenti per:

  • Una mediazione delle discipline efficace
  • La costruzione di Unità di Apprendimento utilizzando il diagramma a V di Gowin
  • Promuovere metodologie per lo sviluppo di una didattica per problemi
  • Progettare il Curricolo Verticale per realizzare traguardi di competenze, capacità di coding, di pensiero computazionale e ingegneria
  • Promuovere l'unità del sapere

Il setting didattico per la didattica di laboratorio potenziata dalla L. 107/15. Il coinvolgimento degli allievi in problemi per lo sviluppo di curiosità, motivazioni, interessi. La costruzioni di Unità di Apprendimento centrate su compiti di realtà e prestazioni autentiche.La mediazione didattiche delle discipline, chiavi interpretative di fatti e fenomeni di esperienza quotidiana. Nel problema l'unità del sapere e l'interdisciplinarità. La continuità del Curricolo Verticale quale mosaico di Unità di Apprendimento. Il diagramma a V di Gowin.

  • Organizzazione di un setting didattico nell'aula 3.0
  • Conduzione della classe per una didattica di laboratorio e differenziazione delle attività
  • Didattica per problemi, individualizzazione e personalizzazione dei processi
  • Costruzioni di Unità di Apprendimento con il diagramma V di Gowin

Docenti di ogni ordine e grado di scuola statale e paritaria.  Dirigenti scolastici. Personale ATA.

Il corso si avvale di metodologie teorico-pratiche: input teorici a cura di esperti qualificati mediante slides del power point. Debate. Lavori di gruppo centrati su problemi e studio di casi e produzione di materiali e modelli operativi. Tutti i materiali presentati (slides del power point) vengono consegnati ai corsisti su supporto informatico. I corsisti redigono modelli di organizzazione funzionale della scuola.

Strumenti e risorse sono le tecnologie multimediali rese disponibili dalla scuola e/o dal CE.RI.PE.: computer e videoproiettore, LIM, collegamento internet, piattaforma e-learning del CE.RI.PE., cd, usb, linee guida per la produzione dei materiali didattici, questionari, schede, modelli operativi, sussidi didattici, test, prove di verifica, rubriche di valutazione.

Vengono proposti questionari iniziali su aspettative e bisogni formativi dei corsisti; questionari in itinere vanno a monitorare l’incremento di conoscenze ed abilità e questionari finali verificano i risultati. La valutazione degli esiti consente di redigere relazione finale sugli esiti della formazione.

Dirigente Tecnico M.I.U.R. Prof. Anna Maria Schiano

I Corsi, secondo richiesta dei docenti, possono avere durata di 25(venticinque) ore complessive di formazione certificata (1 CFU), sia in presenza e sia on line, come da Indicazioni operative MIUR del 22/07/16  e da Piano di formazione dei docenti 2019-23 del MIUR.

Il calendario degli incontri in presenza viene concordato con la scuola committente. La committenza può chiedere anche moduli di diversa durata.

75% delle ore

In tutte le Regioni presso le scuole committenti

Sede CE.RI.PE.

Via Alessandro Scarlatti, 150

80127 - Napoli

tel.  081 5569806 - 3391725406
schianoannamaria@libero.it
ceripe@libero.it - info@ceripe.it

sito di e-learning: www.ceripelearning.it

100 euro pagabili anche con carta del docente

Accreditato dal M.I.U.R. (D.M. del 10/01/02 e Direttiva Ministeriale 170/16)

L’esonero dal servizio è secondo normativa vigente.

I corsisti ricevono credenziali per accesso al corso on line su piattaforma www.ceripelearning.it per integrazioni orarie e formative dei corsi in presenza.

Richiedi Informazioni

Termini e Privacy